Come creare soldi dal nulla: lo schema Ponzi

  • . 

Oggi ci occupiamo di una delle truffe più celebri della storia: lo schema Ponzi. Questa truffa continua a sopravvivere ancora oggi nascosta sotto diverse forme, comprendere il suo meccanismo potrà aiutarci a riconoscerne i tratti e ad evitare di cadere in trappola.

Chi era Charles Ponzi?

Carlo Ponzi nasce nel 1882 a Lugo. Lavora per qualche anno in un ufficio postale, per poi iscriversi all’Università ma con scarso successo. Carlo non è portato per gli studi, non è portato neanche per il lavoro, è molto bravo con le parole ed ha pochi scrupoli: sceglie quindi di diventare un truffatore. Arriva nel 1903 negli Stati Uniti e decide di cambiare il proprio nome in Charles. Comincia comprando e rivendendo buoni postali, ma ben presto capisce che può fare molti più soldi in un altro modo. Decide allora di presentarsi come un grande investitore, in grado di raddoppiare ingenti capitali in breve tempo. Come? Attraverso investimenti sempre più consistenti su francobolli e buoni postali. Ed ecco la grande bugia: il business di Charles non erano attenti investimenti ma una gigantesca truffa.

Come funziona lo schema Ponzi?

Il sistema è tanto semplice quanto efficace: basta chiedere soldi ad amici e clienti e restituire capitale ed interessi prendendo i soldi dai nuovi investitori. In pratica il nuovo cliente affida a Ponzi ad esempio mille dollari, convinto che in pochi mesi diventeranno 1500, ed in effetti questo avviene; ma i soldi usati per ripagare l’investimento provengono da un nuovo cliente e si procede sempre in questo modo. Dunque il sistema funziona, finché ci sono nuovi ingressi, e finché tutti si fidano del truffatore. Quando qualcuno comincia a farsi domande e a voler ritirare i propri soldi tutto crolla in poco tempo. Ed è quello che è successo a Ponzi, condannato a cinque anni di carcere.

Schema Ponzi oggi

Con alcune varianti e diverse dinamiche, il tipo di truffa messa su da Ponzi continua tutt’oggi. Un evoluzione di questo schema è il Marketing piramidale, che basa il suo business sul continuo ingresso di nuovi clienti-investitori. Ma esistono molti altri esempi:

Ruota dell’abbondanza e della solidarietà

Il principio è sempre lo stesso. Per entrare si deve donare una certa somma, che sarà poi restituita e raddoppiata grazie alle somme versate dai nuovi membri.

Ruota della Sorellanza.

L’ennesimo schema Ponzi, mascherato dietro solidarietà femminile e femminista, si nasconde anche qui, in una variante della ruota dell’abbondanza, che promette grossi profitti a tutti basati su doni e condivisione. Le parole più usate sono sorellanza, cerchio delle madri, Mandala. Se hai sentito strani discorsi di questo tenore, stai in guardia perché si tratta appunto di una truffa.

OneCoin.

Una società bulgara fondata nel 2014 che sosteneva di poter diventare il nuovo Bitcoin, ma che fondava il suo Buisness su un gigantesco schema Ponzi.

Bernie Madoff

Truffa portata avanti da Bernie Madoff, americano di origine ebraica, basata sul più grande schema Ponzi di tutti i tempi. Il suo autore è stato arrestato e condannato all’ergastolo nel 2009. Nel periodi di massimo fulgore Bernie è arrivato a gestire cifre intorno ai 20 miliardi di Dollari.

Condividi questo: