A quanto corrisponde un metro cubo d’acqua?

Condividi questo:

“Consumo troppa acqua”. Si, lo hai pensato spesso mentre aprivi una bolletta, e lo hai pensato di nuovo mentre la pagavi. Ma cosa significa consumare troppo, e a quanto corrisponde un metro cubo d’acqua?

Un metro cubo d’acqua corrisponde a mille litri. Certo, fin qui ci siamo tutti, starete pensando, ma cosa puoi fare con mille litri d’acqua?

ESEMPIO

Facciamo un piccolo elenco di quello che mediamente e approssimativamente possiamo fare con 1 metro cubo d’acqua:

  • Usare lo sciacquone 100 volte
  • Fare 20 docce da tre minuti
  • Riempire 8-10 volte la vasca da bagno
  • Assicurare 8 anni di riserva d’acqua per un gatto di media taglia
  • Innaffiare per 4 giorni un giardino da 50 metri quadri
  • Soddisfare per 4 giorni il fabbisogno d’acqua di un italiano
  • Soddisfare per 3 giorni il fabbisogno d’acqua di un americano
  • Riempire 83 casse d’acqua minerale
  • Lavare 7 volte l’auto
  • Riempire per 2 giorni una mini-piscina gonfiabile
  • Riempire dai 2000 ai 3000 gavettoni
  • Tenere aperto un rubinetto per 2 ore
  • Preparare 1800 porzioni di polenta taragna
  • Permettere una fuga occulta di poche ore

Insomma, per farla semplice, lasciare un rubinetto aperto un paio d’ore equivale a riempire di casse d’acqua una piccola cantina e armare di gavettoni un esercito di ragazzini. E se lavare l’auto ogni fine settimana ti sembra un lusso di poco conto, pensa a quanti gattini potresti dissetare con quel volume.

LA SITUAZIONE IN ITALIA

Ora andiamo però su numeri più grandi, molto più grandi.

Ogni anno la rete idrica italiana perde 3,45 miliardi di metri cubi, a fronte di 8,3 miliardi di metri cubi di acqua potabile immessi nelle reti di distribuzione. Insomma il 41% dell’acqua che viaggia nei nostri acquedotti non arriva mai alle nostre case ma si disperde in mille perdite e rivoli. Certo questo non può essere un problema dell’utente finale, ma pensa a quanta ne viene sprecata per permetterti di avere ogni giorni litri e litri di acqua corrente a disposizione.

Un altro dato interessante è che le bollette italiane sono tra le più basse d’Europa. Quante volte abbiamo sentito da nostri connazionali di ritorno da un viaggio frasi come: “lì la birra costa meno dell’acqua”. Questo non è dovuto soltanto al fatto che si produce ottima birra e a buon mercato ma anche ad una diversa gestione delle tariffe acqua.

Analizzando il costo medio del metro cubo negli altri paesi troviamo delle differenze importanti con l’Italia. Facendo un confronto tra le capitali europee si può vedere che, mentre l’acqua a Roma ha un costo medio di 1,62 euro al metro cubo, a Barcellona ne costa 3,23 e ad Amsterdam arriva addirittura a 7 euro al metro cubo. Ovviamente il costo del metro cubo varia da città a città e i valori indicati si riferiscono ad un costo medio. L’acqua infatti ha una tariffazione tutta sua che spiegheremo nel dettaglio più in là.

RISPARMIO E PARSIMONIA

Quindi pagare poco le bollette idriche è sicuramente positivo, perché sono già molte le spese che affrontiamo quotidianamente, ma ciò non deve mai farci abbassare la guardia sulla questione principale: l’acqua va risparmiata, sempre e comunque. Noi saremo sempre pronti e disponibili a rivelarvi ogni più piccolo segreto per permettervi di arrivare a fine mese con bollette più leggere possibili. I nostri consigli però saranno diretti, non tanto a permettervi di pagare di meno l’acqua in bolletta, ma sempre e comunque a limitarne il consumo.

Risparmiare sulla bolletta può aiutare te, risparmiare acqua aiuta tutti.

Se invece vuoi sapere cosa puoi fare con un KWh clicca qui

Se invece vuoi sapere cosa puoi fare con un Smc di gas metano clicca qui

Fonti

https://www.istat.it/it/files/2019/03/Testo-integrale_Report_Acqua_2019.pdf

https://www.iwa-network.org/wp-content/uploads/2016/06/International-Statistics-for-Water-Services-2014.pdf

https://www.arpa.veneto.it/temi-ambientali/acqua/file-e-allegati/scheda_risp_idrico_dw.pdf

Condividi questo: